Seminario Franciacorta - Berlucchi


berlucchi61

 

 

Franciacorta Berlucchi ’61: la creazione della famiglia Ziliani

 

Nella storia del vino – compresa quella delle moderne denominazioni – raramente i percorsi evolutivi di un territorio sono derivati dalle scelte individuali o dall’operato di una singola azienda: a livello viticolo quanto a livello enologico e commerciale l’identità di un distretto produttivo si costituisce progressivamente, fondandosi su processi collettivi, su metodi e riferimenti condivisi da una comunità.

Non mancano, tuttavia, le eccezioni: facile pensare all’opera creativa e rivoluzionaria di Mario Incisa della Rocchetta e di Ferruccio Biondi Santi, personalità che con il loro genio hanno segnato momenti di radicale discontinuità nei rispettivi territori.

Tra coloro che hanno saputo innescare energie ed entusiasmi su nuove strade e verso nuovi obiettivi va senz’altro iscritto Franco Ziliani, nel 1955 giovane enologo presso le cantine di Guido Berlucchi, discendente dei conti Lana de’ Terzi. Fu Ziliani, infatti, a produrre nel 1961 il primo Pinot di Franciacorta Méthode Champenoise e, nei decenni successivi, il coraggio di quella scelta al di fuori d’ogni consuetudine è stato ampiamente ripagato. Infatti, grazie al contributo di numerose altre realtà che hanno dedicato passione, ricerca e investimenti alla produzione di vini di qualità rifermentati in bottiglia, la Franciacorta è oggi uno dei più importanti distretti spumantistici d’Italia e del mondo.*

Con questa premessa nasce l'idea di un proficuo seminario di approfondimento tenuto il 4 novembre 2016 presso i nostri locali dedicato a questa incredibile famiglia!


*articolo dell'associazione per la cultura del Vino e degli Alimenti "Seminario permanete Luigi Veronesi" 

 

 

yellow blue red

Template Design © bauhaus.italia | Di Febo srl All rights reserved. P.IVA 00057600678

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione